Trade Republic VS Directa | Confronto completo 2024

trade-republic-vs-directa

Trade Republic o Directa, cosa conviene? Quale scegliere?

Ricorda: Investire comporta rischi di perdite. Informati a dovere, valuta bene la tua propensione al rischio e non investire in strumenti che non comprendi.

Trade Republic e Directa sono entrambe piattaforme di investimento che si prestano molto bene all’investimento a lungo termine.

A parte qualche similarità però questi due broker sono piuttosto diversi.

Directa è una broker storico, mentre Trade Republic è una piattaforma di investimento emergente.

Quale scegliere?

In questo articolo andremo a confrontare Trade Republic e Directa in modo tale che alla fine dell’analisi tu sia in grado di rispondere a queste due domande:

  1. Quale è il broker migliore tra Directa e Trade Republic?
  2. Quale conviene scegliere?

Prima di scendere nel dettaglio dell’analisi, vediamo un po’ di dati generali.

Trade RepublicDirecta
ProdottiCriptovalute, Azioni, ETF, Obbligazioni, DerivatiAzioni, ETF, Fondi comuni, Obbligazioni, Opzioni, Futures, CFD
Conto demoNo
Azioni frazionateNo
Regime fiscaleDichiarativoAmministrato
Sede legaleGermaniaItalia
Costi di aperturaGratisGratis
Deposito minimo10€1€
Feature particolariPAC automatico
Interesse sulla liquidità (4,0%)
PAC automatico di ETF
PAC PIR compliant
Piattaforma di trading avanzata
Vai su Trade RepublicVai su Directa

Trade Republic vs Directa nei rating di Investimi

logo trade republic

Trade Republic

Logo Directa

Directa

Tipi di conto

Iniziamo questo confronto tra Trade Republic e Directa andando a confrontare l’offerta in termini di tipologie di conto.

Iniziamo da Trade Republic visto che l’analisi è molto rapida. Trade Republic offre un’unica tipologia di conto. Questo conto dà accesso gratuito a tutte le funzionalità della piattaforma.

Directa offre invece 2 diverse tipologie di conto:

  • conto demo
  • conto standard

Il conto demo permette di provare gratuitamente le piattaforme di Trading Directa per 15 giorni senza doversi iscrivere. E’ sufficiente inserire la tua email. Il conto demo Directa permette di operare su Mercato azionario italiano, Mercati azionari Americani, Forex e CFD su Criptovalute, Indici e Commodities con una liquidità virtuale di 100.000€.

Il conto standard invece è un conto che permette effettivamente di operare sui mercati, con denaro reale.

Con entrambe le piattaforme aprire un conto è molto semplice e può essere fatto comodamente online.

In entrambi i casi il punto di partenza è il sito ufficiale di Directa o di Trade Republic.

Prodotti

Una delle differenze fondamentali tra Trade Republic e Directa è l’offerta di strumenti finanziari.

L’offerta di Trade Republic si concentra principalmente sugli strumenti finanziari rivolti agli investitori di lungo termine:

  • Azioni
  • Obbligazioni
  • ETF, ETC e ETN
  • Criptovalute
  • Derivati

Da evidenziare la possibilità di fare trading di criptovalute direttamente dalla stessa piattaforma con cui acquisti gli strumenti della finanza tradizionale. Una funzionalità interessante che poche altre piattaforme offrono in Europa.

L’offerta di Directa invece è decisamente più ampia e include sia strumenti di investimento per il trading:

  • Azioni
  • Obbligazioni
  • ETF, ETC e ETN
  • Fondi comuni
  • Criptovalute (tramite ETN)
  • Opzioni
  • Futures
  • CFD

Tramite Directa è possibile connettersi alle principali borse di tutto il mondo e scambiare in un numero considerevole di valute.

Directa quindi è decisamente più completa di Trade Republic per quanto riguarda l’offerta di strumenti finanziari.

Commissioni

Andiamo ora a confrontare le commissioni di Trade Republic e Directa.

Iniziamo analizzando le commissioni di Trade Republic visto che, come per i piani, l’analisi è molto breve.

Trade Republic applica 1€ di commissione su tutte le operazioni.

Tra l’altro questa commissione può anche essere annullata se si imposta un Piano di Accumulo automatico (troverai più dettagli nei prossimi paragrafi).

Analizziamo ora le commissioni di Directa.

Il conto Directa non ha alcun costo di apertura, chiusura, inattività e nessun canone mensile.

Le commissioni sugli ordini su Directa variano molto a seconda dello strumento finanziario e della borsa di quotazione.

Inoltre Directa offre la possibilità di scegliere tra 3 piani commissionali:

  • piano semplice, a commissione fissa
  • piano dinamico, in cui le commissioni scendono all’aumentare del numero di operazioni eseguite al mese
  • piano variabile, in cui le commissioni aumentano all’aumentare dell’importo scambiato

Per semplificare, le commissioni su azioni, ETF, obbligazioni oscillano da 1,5€ a 5€  per acquisti su Borsa Italiana, da 9,50€ per il mercato europeo e 9$ per il mercato USA.

Directa offre inoltre una selezione di ETF e certificati a zero commissioni di acquisto (spesso richiede ordini superiori a 1.000€). Ti invito ad approfondire sul sito di Directa per maggiori informazioni.

Inoltre, anche tutti gli acquisti di ETF eseguiti tramite PAC automatico di Directa sono senza commissioni.

Per quanto riguarda le commissioni sul cambio valuta, Directa dichiara di non applicare nessuna commissione e nessuno spread sul cambio valuta.

Molti trader e investitori si dimenticano di questa commissione, ma se si opera spesso in valuta straniera è fondamentale tenere conto di queste commissioni.

Il fatto che Directa non applichi nessuna commissione sul tasso di cambio quindi permette di operare sui mercati stranieri con maggiore efficienza.

In conclusione, cosa conviene in termini di commissioni tra Trade Republic e Directa?

In generale, grazie alle commissioni ridotte è probabile che Trade Republic sia più conveniente, in termini generali.

Directa però può risultare molto competitiva quando si parla di investimenti in ETF grazie al PAC senza commissioni di acquisto.

Piattaforme

Sia Trade Republic che Directa offrono piattaforme di investimento accessibili sia dal web (desktop) che da mobile.

Trade Republic offre un’unica piattaforma, molto intuitiva, molto adatta per gli investitori alle prime armi.

Inoltre Trade Republic dichiara di aver adottato uno stile grafico che cerca di ridurre l’emotività degli investitori, aiutandoli a ridurre le decisioni irrazionali.

Di contro, questa piattaforma è piuttosto povera di strumenti per il trading.

Directa offre invece diverse piattaforme, alcune più indirizzate agli investitori, altre invece più adatte ai trader: l’app Directa, dLite per operare online sia da mobile che da desktop, Libera, Darwin, Classic, Traderlink Visual Trader, flashBoard, flashBook, multiBook.

Se sei in cerca di una piattaforma semplice e intuitiva, adatta ai principianti e non solo, Trade Republic è probabilmente la soluzione ideale.

Se invece sei in cerca di una piattaforma avanzata, completa di tutte le funzionalità per trading e investimenti, Directa è probabilmente la soluzione che fa per te.

directa VS trade republic confronto interfaccia schermata ordine acquisto
A sinistra Trade Republic, a destra Directa

Feature particolari

Sia Directa che Trade Republic offrono feature interessanti.

Iniziamo andando ad analizzare alcune particolarità di Trade Republic.

Trade Republic offre delle feature interessanti per coloro che vogliono investire a lungo termine:

Come funzionano i PAC automatici di Trade Republic?

Il funzionamento è molto semplice. In pochi click puoi impostare degli acquisti ricorrenti di una determinata somma di denaro, su un determinato strumento finanziario.

Per esempio, puoi impostare un PAC in modo tale che ogni 1° del mese la piattaforma vada ad acquistare 200€ dello “Strumento finanziario A”.

Nel PAC di Trade Republic è possibile “indicizzare” l’importo da investire all’inflazione, e far aumentare leggermente l’importo investito mese dopo mese. Le frequenze disponibili per il PAC di Trade Republic sono: 7 giorni, 15 giorni, 1 o 3 mesi.

Una cosa che certamente ti farà piacere è scoprire che se si acquisti tramite PAC c’è l’annullamento totale delle commissioni di transazione e la possibilità di acquistare azioni frazionate.

Andiamo ora a vedere la compensazione della liquidità (simile ad un conto deposito svincolato). 

Anche in questo caso il funzionamento è piuttosto semplice: Trade Republic offre il 4,0% per sulla liquidità non investita (fino a 50.000€).

In aggiunta, Trade Republic ha recentemente annunciato il lancio della carta Trade Republic. La carta Trade Republic è una carta di debito Visa che ti permetterà di pagare le tue spese quotidiane con la liquidità presente sul tuo conto Trade Republic.

La carta Trade Republic è gratuita e senza commissioni. Anzi si riceverà un Saveback di Trade Republic del 1% sulle somme pagate. Una sorta di Cashback, solo che i soldi verranno investiti direttamente in uno strumento finanziario a tua scelta (invece che in liquidità, come accade solitamente per il cashback)

Analizziamo ora Directa.

Come Trade Republic, anche Directa offre la possibilità di automatizzare il processo di investimento in ETF tramite il PAC Directa.

Grazie alla partnership con Amundi ETF, iShares, VanEck e WisdomTree, con Directa puoi investire tramite il PAC di ETF a zero commissioni di negoziazione.

Directa offre anche una variante di questa funzione, con cui è possibile creare un PAC “PIR compliant”, cioè un Piano di Accumulo che rispetta i requisiti di legge per i ”Piani Individuali di Risparmio” per ottenere vantaggi fiscali con i propri investimenti.

Ora che abbiamo visto anche le funzionalità di Directa possiamo trarre le prime conclusioni.

Come abbiamo visto dal punto di vista delle funzionalità offerte, entrambe le piattaforme sono piuttosto ricche.

A meno che tu non abbia intenzione di creare un PAC di PIR, Trade Republic offre probabilmente funzionalità lievemente superiori agli investitori a lungo termine

Gestione fiscale

Trade RepublicDirecta
Sede legaleGermaniaItalia
RegolamentazioneBaFinCONSOB
Autorizzato in Italia
Sostituto d’impostaNo
Regime fiscaleDichiarativoDichiarativo, Amministrato
Report fiscale
Vai su Trade RepublicVai su Directa

Andiamo ora a confrontare la gestione fiscale nel caso tu scelga di investire tramite Trade Republic o Directa.

Essendo priva di sedi in Italia, Trade Republic non può operare come sostituto d’imposta. Di conseguenza i clienti sono obbligati ad operare in regime dichiarativo, il che vuol dire che dovranno occuparsi loro di dichiarare i guadagni generati dai propri investimenti.

Tuttavia, Trade Republic mette a disposizione dei clienti con sede fiscale in Italia un report fiscale gratuito che può essere consegnato al proprio Caf o commercialista per assolvere agli obblighi fiscali sugli investimenti.

Directa invece avendo sede in Italia, può operare come sostituto d’imposta. I clienti Directa possono quindi scegliere tra 2 regimi:

  • amministrato (Directa si occupa solo degli aspetti fiscali del tuo investimento)
  • dichiarativo (Directa si limita ad eseguire le operazioni di trading, come Trade Republic)

Quindi dal punto di vista della gestione fiscale, Directa può risultare più conveniente visto che permette di operare sia in regime amministrato che dichiarativo in Italia.

Servizio clienti

Il servizio clienti di Trade Republic è limitato all’assistenza via email.

Mentre Directa offre un servizio di assistenza via email, telefono e live chat.

Per entrambi i broker poi è disponibile una sezione Frequently Asked Questions (FAQ) sul sito con indicazioni su come risolvere i problemi più frequenti.

Opinioni dei clienti

Andiamo ora a fare un brevemente confronto tra i rating dei clienti sulle principali piattaforme di recensione:

Trade RepublicDirecta
Rating Play Store4,04,1
Rating App Store4,34,2
Rating Trustpilot3,83,5
N. recensioni Play Store110.000250
N. recensioni App Store3.10040
N. recensioni Trustpilot16.00055
Media pesata4,04,0
Vai su Trade RepublicVai su Directa

Come puoi vedere dalla tabella di confronto, entrambe le piattaforme hanno un rating medio pesato di 4,0/5

Va però evidenziato che Trade Republic ha un numero decisamente maggiore di recensioni. Questo non stupisce visto che Trade Republic è una piattaforma internazionale con un numero molto maggiore di clienti, mentre Directa è una piattaforma principalmente italiana.

Informazioni generali sui due broker

Directa, o per meglio dire Directa SIM S.p.A, è una società relativamente “storica”, essendo stata fondata nel 1995.

Directa è quotata sulla Borsa di Milano (a partire dal 2021).

In quanto società quotata, Directa sono è pesantemente scrutinata dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB).

Trade Republic invece è una società relativamente giovane visto che è stata fondata nel 2015, ma conta già clienti in tutta Europa.

Trade Republic è regolamentata in Germania dalla BaFin, l’autorità tedesca di vigilanza nei mercati finanziari) ed è iscritta al “elenco delle imprese di investimento autorizzate in altri stati EU senza succursale in Italia” (Iscrizione N.5130) 

Trade Republic è recentemente diventata una banca a tutti gli effetti, e aderisce quindi al meccanismo di protezione della liquidità fino a 100.000€ in caso di fallimento della banca.

Al contrario, essendo Directa una Società di Intermediazione Mobiliare (SIM) aderisce al Fondo Nazionale di Garanzia che indennizza gli investitori fino a un massimo di 20.000 euro.

Trade Republic VS Directa: Conclusioni + Opinioni

In conclusione, cosa conviene scegliere? Trade Republic o Directa?

Dal punto di vista della connettività e dell’offerta di strumenti finanziari non ci sono dubbi: Directa è decisamente superiore.

In termini di commissioni, Trade Republic è decisamente più conveniente per l’operatività standard.

Directa diventa particolarmente competitiva però quando si sfruttano alcune features particolari come gli ETF senza commissioni ed il PAC automatico di ETF.

In termini di funzionalità, entrambe le piattaforme hanno creato delle features che le contraddistinguono dalle altre piattaforme:

Trade Republic offre:

  • Piani di Accumulo automatici (PAC automatici)
  • interessi sulla liquidità
  • carta di debito con saveback

Directa offre:

  • Piani di Accumulo automatici su ETF e PIR Compliant
  • Piattaforme di trading avanzate

Considerando tutti questi aspetti qual è il broker migliore? Trade Republic o Directa?

Se per te la facilità di utilizzo e la semplicità sono un fattore decisionale fondamentale, Trade Republic può essere la soluzione ideale. 

Se invece cerchi una piattaforma di investimento più avanzata, che faccia da sostituto d’imposta, Directa è probabilmente la soluzione ideale per te.

logo trade republic
Costo di apertura0€
Costo mensile0€
Costo di chiusura0€
Logo Directa
Costo di apertura0€
Costo mensile0€
Costo di chiusura0€

Altre Risorse

Il miglior broker in assoluto?

Non esiste.
Ogni investitore ha le sue necessità.

Scopri il broker
che più si adatta alle tue esigenze
con il Comparatore di Investimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto